Bruciati duecento ettari, ancora fiamme a Preci

Impegnati quattro mezzi dei Vigili del Fuoco a Saccovescio. Prosegue l'intervento anche a Civita di Cascia

Bruciati duecento ettari, ancora fiamme a Preci
Tgr
L'area interessata dall'incendio

Brucia da oltre due giorni la montagna di Saccovescio, nel comune di Preci. 200 ettari di bosco e vegetazione sono già andati in fumo. Una superficie che corrisponde ad oltre 200 campi da calcio. Nella giornata di martedì 4 mezzi aerei impegnati fino al tramonto, due canadair e due elicotteri, non sono riusciti a contenere le fiamme. Si tratta di una zona impervia, quasi impossibile da raggiungere a piedi. Il rogo può essere spento solo dall'alto: ma anche gli sganci sono complessi perché, nelle vicinanze, non ci sono punti da cui i mezzi possono attingere acqua. 
Sempre in Valnerina, ma vicino al confine con Rieti, i vigili del fuoco sono al lavoro da lunedì sera in località Civita, nel comune di Cascia. Al loro fianco ci sono i colleghi di Rieti e quelli dell'agenzia forestale. Quindici gli ettari bruciati finora.
Ci sono poi tre incendi ormai spenti, ma sui quali si continua a vigilare. Siamo nel ternano, a Guardea, Orvieto e Capitone. Le azioni di bonifica vanno avanti e il monitoraggio è costante anche grazie all'attivazione di presidi notturni.
La speranza è che, nelle prossime ore, sia la pioggia a venire in aiuto.