L'investimento immobiliare torna appetibile

Balzo in avanti delle compravendite in Umbria nel primo trimestre. Bene soprattutto il non-residenziale. E boom di mutui tra gli under 35

L'investimento immobiliare torna appetibile
Tgr
Il panorama immobiliare

L'incertezza economica derivante dal conflitto in Ucraina, dalla pandemia e dalla crisi energetica spinge gli investimenti nei beni rifugio. E in Umbria lo confermano i numeri del mercato. Nei primi tre mesi del 2022 le compravendite di immobili residenziali sono cresciute del 12% rispetto allo stesso trimestre del 2021. i dati sono dell'agenzia delle entrate. Ancora meglio sono andate quelle di immobili non residenziali che, nello stesso periodo preso in considerazione, hanno registrato un incremento del 12,8%. 
A trainare non sono solo instabilità e alta inflazione, ma anche il boom dei mutui agli under 35, sostenuti dagli incentivi dello stato, che rappresentano il 35,5% del totale di quelli erogati.
A preoccupare - per i prossimi mesi - è la possibilità che i tassi dei mutui tornino a crescere. Anche perché la banca centrale europea, a partire da luglio,  dovrebbe alzare i tassi di interesse dello 0,25% e arrivare allo 0,50 entro settembre. Aumenti che potrebbero frenare la crescita delle transazioni immobiliari