San Francesco: boom di passeggeri

Oltre 2.300 nei primi giorni di luglio. La società di gestione amplia spazi e orari di apertura

San Francesco: boom di passeggeri
Tgr
Aeroporto San Francesco

Corre ai ripari l'aeroporto San Francesco di Assisi. A fronte di una stagione decisamente nuova dopo i due anni di magra della pandemia. Si torna a volare e lo si fa con numeri da record così lo scalo perugino cerca di adattare i propri spazi alle esigenze di passeggeri più numerosi. In particolare, fa sapere la Sase, il 4 luglio si è toccato il picco degli oltre 2 mila e 300 viaggiatori in transito. Numeri da capogiro che però come risvolto della medaglia hanno avuto il moltiplicarsi di disagi prontamente segnalati anche via social dagli utenti. Lunghe attese in piedi in particolare rese pesanti dai  ritardi che si sono registrati un po' in tutto il traffico aereo a livello nazionale. Per questo la società che gestisce lo scalo perugino fa sapere di aver aumentato il numero dei posti a sedere di 150 unità anche utilizzando spazi finora non utilizzati. Incrementati anche i servizi di pulizia e gli orari di apertura dei bar presenti nell'aeroporto. A disposizione dei passeggeri anche personale  in più per fornire informazioni e rispondere alle esigenze di chi parte. Tutto in un'estate quella della ripresa del traffico vacanziero funestata da ritardi e scioperi. A questo proposito la Sase puntualizza che su perugia finora i ritardi sono stati di massimo mezz'ora , mentre i voli cancellati sono stati solo 4. Nel servizio di Elisa Marioni l'intervista ad Umberto Solimeno a capo della società Sase che gestisce lo scalo.