Il nuovo piano sanitario

La Regione ha preadottato il testo unico in materia di sanità e servizi sociali e adottato il piano sanitario 2022-2026

Il nuovo piano sanitario
tgr
Un sanitario

Due disegni di legge che tracciano una nuova architettura della sanità umbra. La giunta regionale ha preadottato il testo unico in materia di sanità e servizi sociali e adottato il piano sanitario 2022-2026 che aveva avuto l'ok del ministero della Salute nel giugno scorso dopo un primo rinvio al mittente. Documenti che ora passeranno al vaglio consiglio dopo un iter - quello di questi mesi - lungo e tortuoso e durante il quale i sindacati non hanno risparmiato critiche. Si tratta di un piano - dice la giunta - che si lega a quello nazionale di ripresa e resilienza, da qui la necessità innanzi di tutto di allungarne il periodo di vigenza da tre a cinque anni senza che questa diventi la regola in futuro. La nuova versione prevede una sfobiciata ulteriore ai distretti sanitari destinati a passare da 12 a 4 invece che 5 come previsto in un primo momento. Confermata l'articolazione in due aziende sanitarie usl. Il piano adottato dall'esecutivo regionale guarda molto alla medicina territoriale almeno nelle intenzioni considerando l'esperienza vissuta durante la pandemia ma diverse questioni affrotnate in fase di concertazione vengono rinviate a futuri specifici atti di programmazione come la gestione dei serivzi per la salute mentale, il sostegno ai disabili, le dipendenze.