Mascherine non idonee? Botta e risposta tra Usl Umbria2 e sindacato

E' l'allarme lanciato dai medici della federazione Cimo-Fesmed che chiedono all'Usl Umbria 2 l'immediata sostituzione. La replica dell'azienda

Mascherine non idonee? Botta e risposta tra Usl Umbria2 e sindacato
TGR
Usl umbria 2

"L'Usl Umbria 2 consegna mascherine non idonee al personale sanitario". E' questo l'allarme lanciato dai medici della federazione Cimo-Fesmed che ne chiedono l'immediata sostituzione. Le mascherine FFP2 distribuite da fine maggio negli ospedali dell'USL Umbria 2 - afferma in una nota la Federazione dei medici - provocano irritazioni, prurito e sudorazione anomala, rendono difficoltosa la respirazione e dopo solo un'ora di utilizzo generano cattivo odore. E i dipendenti sono costretti ad acquistarle in proprio. E in caso di mancata sostituzione con altre mascherine la Federazione promette che la vicenda sarà segnalata all'Inail, alla Guardia di Finanza e ai carabinieri Nas. 

Pronta la replica dell'azienda sanitaria, che afferma che le Ffp2 in dotazione "rappresentano il gold standard in termini di efficacia e di protezione, ma è pronta anche una soluzione alternativa per assicurare maggiore comfort al personale sanitario".

Il servizio di Antonio Barillari