Solo metà stipendio a Fattorie Novelli. I sindacati: ennesima promessa disattesa

Ottanta i dipendenti interessate. Chieste risposte immediate, insieme a "chiarezza e trasparenza"

Solo metà stipendio a Fattorie Novelli. I sindacati: ennesima promessa disattesa
TGR
Stabilimento ex Novelli a Spoleto

Parlano di ennesima promessa disattesa i sindacati dei lavoratori della ex Novelli che hanno visto accreditarsi sul conto solo il 50% dello stipendio di luglio, dopo aver ottenuto la certezza del pagamento per intero a un tavolo che si è tenuto nei giorni scorsi, a cui avevano partecipato consulenti, liquidatore e le due curatele.

Una situazione che riguarda i circa 80 dipendenti dello stabilimento di Spoleto, mentre i dieci del sito di Casalta, ad Amelia, sono in cassa integrazione a zero ore e l'ultimo ingresso è quello corrispondente alla metà di maggio.

In ballo ancora anche la 14esima mensilità saltata per gli impiegati agricoli.

I sindacati chiedono chiarezza e trasparenza per superare il lungo stato di emergenza e traghettare il comparto uova dell'ex gruppo novelli verso la fase finale di una vertenza che dura ormai da 12 anni.

A fine settembre è prevista la quarta asta, dopo le tre andate deserte, con il vecchio bando, che comprende attività e passività del gruppo. Se anche questo tentativo dovesse fallire, nonostante le manifestazioni di interesse, un paio, emerse in via non ufficiale in questo periodo, si aprirebbe l'iter per un nuovo bando. Stavolta debiti esclusi e quindi potenzialmente più appetibile.