Us Open: Passaro out

Dopo la prima storica vittoria il tennista perugino si arrende al francese Grenier

Us Open: Passaro out
tgr
Francesco Passaro

L'avventura in uno dei templi per eccellenza delle racchette mondiali, gli UsOpen, si è chiusa con un pizzico di rammarico, ma Francesco Passaro è entrato comunque nella storia del tennis, per aver riportato l'Umbria dopo oltre 30 anni a Flushing Meadows. Il portacolori dello Junior Club Perugia, che negli ultimi mesi ha davvero scalato le classifiche mondiali, arrivando alla 146esima posizione nel ranking, dopo aver superato brillantemente il primo turno delle qualificazioni contro l'australiano Polmans, si è arreso in due set al francesce Hugo Grenier, che lo precede di una ventina di posizioni nella graduatoria Atp. Una partita molto equilibrata, decisa di fatto da un drammatico primo set, nel quale il perugino non è riuscito a sfruttare ben tre set point, cedendo poi 14 a 12 al termine di un'estenuante tie-break. Il mancato successo nel primo parziale, che avrebbe invece indirizzato la sfida a favore di Passaro, ha finito col condizionare il resto della prestazione, con l'allievo del maestro Tarpani nervoso e particolarmente falloso: 7-6, 6-1 il finale per Grenier. Il bilancio americano è comunque più che soddisfacente, perché calcare il cemento di New York non è da tutti e farlo a 21 anni testimonia che il tennis umbro può nutrire davvero grandi speranze per il futuro. Nel mirino di Passaro c'è infatti un altro grande obiettivo, giocare gli Australian Open a gennaio. Prima ci sono però altre sfide a cominciare, la prossima settimana, dall'Atp Challenger Città di Como.  

Luca Pisinicca