Amanda e Raffaele in vacanza a Gubbio

I due si sono ritrovati a giugno per la gita che avrebbero dovuto fare il giorno della morte di Meredith. La foto pubblicata dal "Mirror"

Amanda e Raffaele in vacanza a Gubbio
Tgr
Lo scatto del tabloid che ritrae l'ex coppia a Gubbio

Amanda Knox e Raffaele Sollecito si sono incontrati in Italia a quindici anni dal delitto di Perugia. Lo rivela il britannico “Mirror” che pubblica una foto che li ritrae insieme, sorridenti, a Gubbio: la meta che avevano in mente di visitare il giorno in cui fu scoperto il cadavere di Meredith Kercher. Una gita rinviata, all’epoca, per “cause di forza maggiore”. Secondo quanto riporta il popolare tabloid inglese, la “rimpatriata” risale al mese di giugno e con Amanda c’erano anche il marito Chris Robinson e la figlioletta che adesso ha un anno.

A confermare la vicenda al quotidiano è lo stesso Sollecito, raggiunto telefonicamente dal cronista che l’ha ricostruita. Sarebbe stata la trentacinquenne di Seattle a lanciare l’idea, che Raffaele ha raccolto con entusiasmo. “E’ stato bello poter parlare tra noi di qualcosa che non fosse il caso giudiziario”, avrebbe riferito Sollecito. I due non si rivedevano dai tempi del processo che si è concluso nel 2015 con l’assoluzione definitiva di entrambi, dopo quattro anni di carcere. I giudici esclusero la loro partecipazione materiale all’omicidio e sottolinearono l’assoluta mancanza di tracce biologiche a loro riferibili nella camera dove avvenne il delitto o sul corpo di Meredith.

La scelta di Gubbio chiude un cerchio per Amanda e Raffaele, ma mette sale sulle ferite mai rimarginate dei familiari della vittima, alla vigilia dell’anniversario della morte, il primo novembre 2007. Rudy Guede, l’unico colpevole riconosciuto dalla giustizia italiana in “concorso” - anche se coloro che erano inizialmente indicati suoi complici sono stati scagionati - è tornato libero da un anno, ha un lavoro e promuove un libro con la sua versione dei fatti, ovviamente innocentista.