Coldiretti: la sete di energia non giustifica il consumo del suolo

Secondo l'associazione di categoria il fotovoltaico non può penalizzare il settore primario. I tetti delle aziende la possibile alternativa

Coldiretti: la sete di energia non giustifica il consumo del suolo
Lcc
Pannelli fotovoltaici

Coldiretti Umbria si schiera contro la proliferazione di pannelli fotovoltaici a terra: "Non vorremmo - spiega il presidente, Albano Agabiti - che la comprensibile sete di energia, che sta spingendo a sviluppare alternative sostenibili come il fotovoltaico, possa finire per penalizzare il settore primario, inducendo a un incremento del consumo di suolo agricolo". Diversamente, sempre per Coldiretti, potrebbero essere congrui a soluzioni del genere i tetti di aziende o di strutture industriali obsolete, ma anche le aree da bonificare.