Neonato morto nel parcheggio, la Cassazione annulla la sentenza

Ci sarà un nuovo processo per Giorgia Guglielmi, la mamma del piccolo trovato senza vita a Terni nell'estate del 2018. Prima udienza a Firenze il 23 novembre

Neonato morto nel parcheggio, la Cassazione annulla la sentenza
tgr
Il luogo del ritrovamento

Processo da rifare: la corte di Cassazione ha annullato la sentenza della corte d'Appello di Perugia, che aveva condannato a 16 anni con rito abbreviato, poi ridotti a 14, Giorgia Guglielmi, per aver abbandonato, nell'agosto 2018, il figlio neonato nel parcheggio di un supermercato del quartiere Borgo Rivo a Terni. Il bambino era stato chiuso in un sacchetto di plastica, ed era morto asfissiato dopo ore di agonia. Per questo motivo la Guglielmi, che ora ha 31 anni, era stata condannata.
Ora la decisione della Cassazione, che ha annullato la sentenza di appello, rimandando ad un nuovo processo a Firenze. La sostanza dell'accoglimento del ricorso, presentato dagli avvocati difensori Attilio Biancifiori ed Alessio Pressi, è stabilire se la condanna di omicidio volontario possa essere convertita in condanna per infanticidio. Una fattispecie che potrebbe alleggerire la pena nei confronti della Guglielmi, che secondo i difensori non avrebbe volontariamente lasciato morire il bambino, ma lo avrebbe lasciato confidando che venisse trovato.
La prima udienza del nuovo processo è fissata per il 23 novembre.