Passeggeri più che raddoppiati dopo la pandemia

Record per l'aeroporto San Francesco di Assisi. Ha fatto registrare la maggiore crescita d'Europa

Passeggeri più che raddoppiati dopo la pandemia
LCC
Crescita esponenziale di passeggeri per lo scalo umbro

Passeggeri più che raddoppiati rispetto al prepandemia. E' un record quello stabilito dall'aeroporto di Perugia. 
A certificarlo è il rapporto Aci Europe sul traffico aeroportuale, che ha analizzato tutta la rete aeroportuale europea. Mettendo a confronto il terzo trimestre del 2019, cioè prima del Covid, con il terzo trimestre di quest'anno, emerge chiaramente come il San francesco D'Assisi abbia superato di gran lunga il livello di partenza: più 125% di passeggeri. E' l'aumento più alto in assoluto. Seguono la città croata di Zara (+58%), l'isola greca di Santorini (col 37%) , Funchal in Portogallo (+30) e - quinto in graduatoria - l'aeroporto di Torino con più 26%.
Una dinamica, secondo quanto riportato nel report, legata alla ripresa delle attività dedicate al tempo libero all'interno dell'Europa, ma anche all'aumento della capacità dei vettori ultra-low cost. Ricordiamo che venti giorni fa, il 10 ottobre, lo scalo umbro ha segnato il suo record storico raggiungendo i 300mila passeggeri, un numero che si inserisce nel quadro di boom di passeggeri registrati in Italia nell'estate 2022.