Presunte violenze in discoteca: oggi l'interrogatorio del gestore

Avrebbe molestato quattro ragazze nella notte tra sabato e domenica, nel locale di Città della pieve. Il 53enne, arrestato ieri, respinge le accuse

Presunte violenze in discoteca: oggi l'interrogatorio del gestore
Tgr Umbria
Violenza in famiglia

E' in programma per questa mattina, nel carcere perugino di Capanne, l'interrogatorio di garanzia del gestore della discoteca The Box, di Città della Pieve, accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di 4 ragazze. 
Il 53enne (S.P. le iniziali del suo nome), assistito dall'avvocato Roberto Romagnoli del foro di Siena, è stato arrestato ieri pomeriggio dai carabinieri di Città della Pieve, dopo 4 giorni di indagine serrata. Gli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore di Perugia Mario Formisano, hanno ascoltato la 22enne residente in provincia di Siena che avrebbe subito la violenza sessuale, in discoteca, nella notte tra sabato e domenica scorsi e altre tre ragazze che hanno denunciato di essere state molestate dall'uomo, sempre all'interno del locale. Una versione, questa, confermata anche dagli amici delle giovani. La 22enne vittima di violenza, secondo quanto ricostruito, era in stato di alterazione dovuto all'assunzione di alcol. Il gestore della discoteca l'avrebbe convinta a seguirlo nel suo ufficio all'interno del locale e lì le avrebbe offerto, più volte, da bere, prima di costringerla ad un rapporto sessuale non consenziente che sarebbe stato confermato anche dagli accertamenti medici ai quali la 22enne si è sottoposta in ospedale a Perugia. Il 53enne, residente a Chiusi e molto conosciuto a Città della Pieve, ha sempre respinto le accuse e avrebbe parlato di un rapporto sessuale consenziente. Versione che, probabilmente, ripeterà anche domani, di fronte al gip perugino Piercarlo Frabotta.