Furti di carburante, tre condanne

Un anno e sei mesi di reclusione e mille euro di multa per i componenti della banda che aveva rubato oltre 100 litri di gasolio da camion e tir.

Furti di carburante, tre condanne
Tgr
Le accise sul gasolio

Tre condanne con la modalità del rito abbreviato. Si è concluso così al tribunale di Terni il processo ai tre uomini arrestati a fine settembre dai carabinieri, per alcuni furti di carburante, asportato soprattutto da camion e tir, nella zona del cimitero cittadino e nell'area industriale di Maratta. Un anno e sei mesi di reclusione, oltre a mille euro di multa, sono stati inflitti ad un 44-enne ternano, i due complici - entrambi di nazionalità albanese - sono stati condannati ad un anno e 200 euro di multa. In aula l'accusa aveva chiesto tre anni per il primo e due anni ciascuno per gli altri due imputati. La banda avrebbe agito per circa un mese, ma si sarebbe fatta scoprire quando il capo finì al pronto soccorso per intossicazione dopo aver aspirato gasolio con un tubo da un automezzo, ingerendolo in parte. L'ultimo blitz a fine settembre, quando i tre avevano tagliato la rete di recinzione di un'azienda di trasporti di Maratta, portandosi via cinque taniche di carburante. All'esterno della ditta, ad attenderli, c'erano i carabinieri. Il caso è risolto ma con il caro carburanti il fenomeno non si sgonfierà facilmente, un giro d'affari illecito diffuso in tutta Italia: per effettuare il furto, serbatoi e tubi di alimentazione dei veicoli vengono spesso danneggiati, imponendo così ai proprietari dei mezzi costose riparazioni.