I maestri degli scacchi ad Assisi

345 scacchisti da 51 paesi sono impegnati fino al 26 novembre nei mondiali individuali seniores. Molto ampia la "delegazione" umbra

I maestri degli scacchi ad Assisi
web
mondiali senior di scacchi

Capacità di concentrazione, astuzia, strategia. Qualità richieste a un bravo giocatore di scacchi e che, diversamente dalle abilità fisiche, come forza, resistenza o rapidità, non ci abbandonano insieme alla gioventù. Forse anche per questo è una delle discipline più popolari al mondo a cui si può continuare a giocare, anche ad alto livello agonistico, fino a tardissima età. Fino al 26 novembre ad Assisi vanno in scena i Mondiali individuali seniores: 345 iscritti da 51 diverse nazioni, divisi in due categorie. Sono una novantina gli italiani, mentre molti maestri scacchisti vivono proprio nella città serafica. Se durante il gioco si cerca sempre di non perdere tempo, i partecipanti alla manifestazione avranno anche modo di godersi le bellezze storico artistiche del territorio, in questo momento di bassa affluenza turistica. Tra i nomi illustri spicca quello dell'ottantenne ex pluri-campionessa del mondo sovietica Nona Gaprindashivili, georgiana, che qualche mese fa aveva denunciato la famosa serie Netflix "La regina degli scacchi" per aver minimizzato le sue vittorie, negli anni '60. Vicenda che si è conclusa con una mediazione e un risarcimento a suo favore.

Il servizio di Giulia Bianconi.