Due ordini di carcerazione internazionale emessi dalla Procura generale

Numerose e complesse le ricerche che hanno permesso l'individuazione

Due ordini di carcerazione internazionale emessi dalla Procura generale
web
la procura generale di perugia

Due ordini di carcerazione - nei confronti di un cittadino pachistano e di uno italiano che si trovavano all'estero pur dovendo scontare delle pene definitive inflitte in Italia - sono stati emessi ed eseguiti dalla Procura Generale di Perugia. Il primo, trentasettenne latitante da oltre un anno, è stato estradato in Italia due giorni fa. Deve espiare una pena di sei anni e due mesi di reclusione, frutto di due condanne per violazione della legge sugli stupefacenti, commesso nell'Ascolano e nel Maceratese.
Analoga attività - fa sapere la Procura generale - ha portato al rintraccio e all'arresto, tre giorni fa in Spagna, di un quarantaquattrenne italiano, latitante dall'ottobre di quest'anno che deve espiare una pena di un anno e un mese di reclusione, per spaccio di sostanze stupefacenti nel Folignate.
Le informazioni, fornite all'interpol dalla Procura Generale, hanno consentito alla polizia tedesca e spagnola di assicurare alla giustizia i latitanti. Il cittadino pachistano, arrestato a ottobre a Velbert (Germania) è stato estradato in questi giorni in Italia ed ora si trova recluso nel carcere di Rebibbia. L'italiano,  arrestato invece tre giorni fa ad Adeje-Tenerife (Spagna) dalla polizia spagnola, è in attesa di estradizione verso l'Italia.