Ex Novelli, scatta lo sciopero a oltranza

I lavoratori chiedono il pagamento degli stipendi arretrati

Ex Novelli, scatta lo sciopero a oltranza
tgr
Lo stabilimento ex Novelli

Non ci saranno picchetti davanti allo stabilimento di Spoleto della Ex Novelli. Resteranno a casa per uno sciopero a oltranza a partire da giovedì 15 dicembre i cento lavoratori che chiedono alla proprietà il pagamento degli stipendi arretrati di ottobre e novembre e della tredicesima mensilità. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione, il liquidatore dell'azienda ha invitato a revocare lo sciopero, parlando di pagamento di metà stipendio del mese di ottobre lunedì prossimo. Nello stesso giorno prevede di fornire ai dipendenti una calendarizzazione degli altri versamenti. Sullo sfondo resta la preoccupazione per la trattativa di cessione alla nuova proprietà. L'offerta di acquisto è stata presentata il 21 settembre e dovrà essere completata entro il 19 gennaio con un saldo di 5 milioni di euro. Mentre la prima bozza del piano industriale trapelata lo scorso novembre avrebbe previsto un taglio significativo del personale.