Scommesse nascoste

Avrebbe operato anche in Umbria il bookmaker maltese che agiva in completa evasione di imposta con proventi fino a 8 milioni di euro. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza di Torino

Scommesse nascoste
Gdf
I controlli dei finanzieri

La Guardia di Finanza di Torino ha eseguito il decreto di sequestro preventivo di oltre 2 milioni di euro, nei confronti di un bookmaker maltese operante, fin dal 2016, nella raccolta di scommesse, anche in Umbria, in totale evasione d’imposta. L’operazione, denominata “Hidden Bet”, ha permesso di individuare un “centro scommesse” su eventi sportivi, ippici e virtual games, che avrebbe operato occultamente attraverso numerosi bet point, situati in tutta Italia, i quali si occupavano, come mono mandatari, della raccolta “fisica” delle giocate, mettendo a disposizione i propri portali web, assumendosi, in parte, il rischio d’impresa a fronte del riconoscimento di una percentuale sulle prestazioni rese. Gli investigatori ritengono che esista una “stabile organizzazione occulta personale” del soggetto estero. Il bookmaker avrebbe percepito oltre 8 milioni di euro, che avrebbero generato un’imposta evasa pari ad oltre 2 milioni.