Ast: "Incontro positivo"

Dal ministero dell'Ambiente sostanziale via libera al piano di Arvedi. In arrivo fondi per la centrale a idrogeno

Ast: "Incontro positivo"
tgr
Le Acciaierie si Terni

"Un incontro positivo e utile a individuare un percorso rispetto agli obiettivi dati". E' il sindaco di Terni Leonardo Latini a tracciare un bilancio del confronto sul futuro di Ast andato in scena ieri al Ministero dell'Ambiente. Al tavolo erano presenti, oltre ai tecnici, rappresentanti del governo, della Regione e del Comune, che hanno dialogato con le controparti del Gruppo Arvedi.

A uscirne fuori è un sostanziale via libera al piano industriale presentato lo scorso anno dall'azienda, che sarà quindi sostenuto dai finanziamenti del Pnrr. Questi ultimi si divideranno in due tronconi: ci saranno i fondi del Ministero per l'Ambiente e la Sicurezza energetica (volti alla decarbonizzazione, tra i progetti spicca la realizzazione di una centrale a idrogeno verde) e quelli del Ministero per le Imprese e il Made in Italy (destinati agli interventi di natura più strettamente industriale).

C'è anche una data per la firma dell'accordo di programma: il 1° di aprile, a un anno esatto dalle slide sul piano di rilancio aziendale mostrate dal cavalier Arvedi a stampa e sindacati, in cui si prevedevano, per Acciai Speciali Terni, un miliardo di investimenti. Rimane ancora da capire quanta parte di questi ultimi sarà coperti da fondi pubblici: l'entità esatta sarà definita nel corso delle prossime settimane.

Di Alessandro Catanzaro