Covid, cambia tutto

Chiusura dal primo gennaio per molti centri vaccinali, restano farmacie e medici di base per immunizzarsi. Smantellate le unità di continuità assistenziale

Covid, cambia tutto
web
Reparti covid

Stabile il numero di nuove infezioni. Vicino al livello di guardia quello dei ricoverati in terapia intensiva ma La rete ospedaliera umbra non è in sofferenza e la gestione della pandemia in questa fase, si concentra sull'identificazione di nuove varianti potenzialmente pericolose. Lontano l'obiettivo di proteggere con la quarta dose di vaccino i 200mila tra over 60 e soggetti fragili umbri. Dal primo gennaio la regione ha chiuso diversi centri vaccinali, altri hanno ridotto l'orario di apertura. In tutta l'Umbria è attualmente sospesa l'attività delle unità di continuità assistenziale, le ex usca. I 23 medici, che hanno garantito il servizio nelle more della normativa nazionale fino al 31 dicembre scorso, non sono più operativi. I medici di famiglia sono costretti a rivolgersi al 118. Secca la replica di D'Angelo: abbiamo già disposto la riorganizzazione del servizio con almeno un medico e un infermiere ogni 100mila abitanti, i direttori delle Usl devono attuarla al più presto.
di Riccardo Milletti