Davide, domenica pomeriggio i funerali

Le esequie del 24enne nella Cattedrale di San Rufino ad Assisi. Le prime conferme dall'autopsia

Davide, domenica pomeriggio i funerali
Lcc
La cattedrale di San Rufino

E' stata la cartuccia, caricata a pallettoni, a squarciare il petto e provocare la morte, in pochi minuti, di Davide Piampiano, il 24enne assisano morto mercoledì scorso durante un sopralluogo sulle tracce di un cinghiale sul monte Subasio. Un colpo a bruciapelo, esploso cioè vicinissimo al corpo, che non ha lasciato scampo al ragazzo. Il medico-legale Sergio Scalise Pantuso, che ha effettuato venerdì l'autopsia su disposizione della pm Mara Pucci, in considerazione della giovane età della vittima e della delicatezza del caso, depositerà le sue conclusioni solo dopo un'ulteriore serie di accertamenti. Ma le prime indicazioni avvalorano la ricostruzione dei carabinieri di Assisi, basata sul racconto del compagno di caccia di Davide e dell'amico residente nella zona, il primo a cercare di soccorrerlo. Entrambi lontani al momento dello sparo, hanno quasi immediatamente chiesto aiuto e fornito versioni concordanti sui successivi concitati momenti. Davide, quindi, nel percorrere un breve tratto scosceso sarebbe inciampato e nel tentativo di mantenersi in equilibrio si sarebbe istintivamente aggrappato al fucile, facendo partire inavvertitamente il colpo fatale. Una tragedia talmente grande da lasciare sullo sfondo (le inutili polemiche sul mancato coinvolgimento dei vigili del fuoco nell'intervento di soccorso e) anche i possibili sviluppi legati alla violazione delle leggi venatorie: il secondo cacciatore rischia una denuncia perché si trovava nell'area del parco, quindi protetta. In queste ore c'è spazio solo per il dolore di un'intera comunità. I genitori di Davide hanno appena ottenuto il nulla-osta alla sepoltura: i funerali si svolgeranno domani pomeriggio, alle 15, nella cattedrale di San Rufino ad Assisi.