Inchiesta Unicusano, a rischio i progetti di Bandecchi

Le indagini della procura di Roma potrebbero avere ripercussioni sul rilancio della attività nella conca ternana: dalla Treofan a Interpan

Inchiesta Unicusano, a rischio i progetti di Bandecchi
tgr
Stefano Bandecchi

Dalla Ternana al nuovo palazzetto dello sport di Terni, dal futuro di Interpan a quello della Treofan. E' un terremoto che rischia di provocare danni ingenti anche nella Conca l'inchiesta della procura romana a carico di Stefano Bandecchi che ha portato al sequestro di 20 milioni di euro sui conti dell'università Unicusano. Un provvedimento, emesso dal gip l'11 gennaio su richiesta del sostituto procuratore Valentina Margio, che rischia complicare i piani in città del presidente della Ternana e candidato sindaco per Alternativa Popolare. Se infatti, contrariamente a quanto affermato dallo stesso Bandecchi, la Ternana resta al di fuori dell'inchiesta e dei provvedimenti giudiziari, a destare qualche preoccupazione è il flusso di cassa necessario a garantire l'operatività del club. In attesa di eventuali dissequestri, poi, resta da capire cosa sarà ora dei progetti di acquisizione da parte di Bandecchi di Interpan, arrivato ormai alle soglie della chiusura, e di Treofan. Per il quale era tutt'ora in corso la due diligence. Ultimo dei progetti di Bandecchi a Terni quello legato alla gestione del nuovo palazzetto dello sport per cui a dicembre era stata creata la società "Ternana Pala Eventi". Parte anche questa della galassia del gruppo Unicusano messo sotto indagine dalla procura romana e dalla Guardia di Finanza, che accusano Bandecchi e l'università di evasione fiscale per aver beneficiando illegittimamente delle agevolazioni previste per gli enti  non commerciali. "Pieno rispetto delle norme", si difende oggi il gruppo, spiegando che le società sotto indagine sono entità distinte da Unicusano, tassate quando producono reddito che distribuiscono come utile a Unicusano. Undici le società della galassia Bandecchi finite nell'inchiesta romana, tutte o quasi senza sede fisica e medesima sede fiscale: si va dalla compravendita immobiliare all'ingrosso di cosmetici, dai saloni di bellezza alle società editoriali per finire all'agroalimentare. Del gruppo riconducibile a Stefano Bandecchi e che ha l'Università telematica Niccolò Cusano come capofila della holding, hanno ricostruito le Fiamme Gialle, fanno parte anche una società cinese per la produzione di alimenti preconfezionati e una russa per la costruzione e la coltivazione in serra.