La Ternana torna a mani vuote

A Reggio Calabria le Fere si illudono ma finisce 2-1 in rimonta per i padroni di casa

La Ternana torna a mani vuote
us
Un momento dell'incontro

La Ternana s'illude ma alla fine torna dalla trasferta di Reggio Calabria a mani vuote: 2-1 in rimonta per i padroni di casa il finale al Granillo e che non fosse una partita semplice lo si era capito fin dai primi minuti, quando la squadra di Inzaghi sfiora più volte  il vantaggio. Nel primo caso Iannarilli è bravissimo a disinnescare in diagonale insidioso di Gori, nel secondo Rivas potrebbe far meglio a tu per tu con l'estremo rossoverde. Unico tentativo di replica degli uomini di Andreazzoli in questa conclusione poco incisiva di Falletti parata da Contini. Mentre dalla parte opposta Iannarilli è ancora chiamato agli straordinari, in questo caso da Maier. Dominio Reggina, ma inaspettatamente le Fere colpiscono. Punizione di Palumbo deviata in angolo da Contini. La traiettoria dalla bandierina viene raccolta sul secondo palo dallo stacco vincente di Pettinari: al suo secondo acuto stagionale. I padroni di casa accusano il colpo e rischiano il tracollo. Ancora Pettinari tutto solo davanti a Contini si divora il raddoppio. Episodio chiave, perché poco dopo la Reggina trova il pareggio. Canotto stampa la sfera sul palo a Iannarilli battuto, l'azione prosegue, con Gori che rova una grande sponda aerea per il tapin vincente di Fabbian: 1-1. Nella ripresa al minuto 69 Fere salvate dal var che annulla per fuorigioco la rete di Canotto dopo un erroraccio di Mantovani. Ma gli uomini di Inzaghi ci credono e al 77esimo rovesciano il risultato. Angolo dalla sinistra, sfiora Sorensen, miracolo di Iannarilli, ma Fabbian, sempre lui, raccoglie e infila nel sacco il gol partita, il suo settimo in campionato. Festa Reggina, mentre la quarta sconfitta targata Andreazzoli allontana sempre più i rossoverdi, ora ottavi in classifica, dalle prime posizioni.

di Luca Pisinicca