Lavoratori domestici, un quarto ha contratti irregolari

Sono 16mila le colf e e badanti in Umbria, ma il settore rappresenta il 4,2% del sommerso

Lavoratori domestici, un quarto ha contratti irregolari
Tgr Umbria
Il settore maggiormente a rischio per il lavoro nero

Sono quasi 16mila i lavoratori domestici contrattualizzati in Umbria, un quarto dei quali però opererebbe senza un contratto regolare. E' quanto emerge dal rapporto annuale sul lavoro domestico in Italia 2022 curato dall'associazione datoriale Domina e pubblicato sul Sole 24 Ore. Numeri che conformano come in Italia il lavoro domestico sia nettamente il comparto a maggior tasso di irregolarità, pari al 52% contro la media nazionale del 12% in tutti gli altri comparti. Per quanto riguarda l'Umbria, spiega il rapporto, il lavoro nero fra domestici e collaboratori familiari rappresenta il 4,2% del totale regionale.