"Il mio Pasolini"

Presentato a Orvieto in anteprima nazionale il libro di Dacia Maraini, in occasione dei cento anni dalla nascita di Pierpaolo Pasolini

Cent'anni dalla nascita di Pasolini: la sua creatività e la fantasia, i film, i viaggi, la scrittura come testimonianza, gli amici, il suo mondo, i sogni, la morte violenta. Un patrimonio da consegnare alle nuove generazioni in un libro di Dacia Maraini che parte da un sogno: il sogno in cui Pasolini ritorna in vita vuole girare un film. "Caro Pier Paolo"(edito da Neri Pozza) presentato in anteprima nazionale a Orvieto, nella Sala dei Quattrocento a Palazzo del Popolo, intervistata da Pino Stabioli. Più che una semplice raccolta di lettere indirizzate all'amico, si tratta di un affresco dedicato a quel mondo culturale al quale entrambi appartenevano. Il passato è un tempo sospeso, nel quale è possibile tradurre la memoria in testimonianza viva, per comprendere e mettere a nudo il vuoto su cui poggia il presente. 
Nel servizio l'intervista a Dacia Maraini.