La difficile strada della digitalizzazione

Le difficoltà maggiori sono spesso dei comuni più piccoli, privi di strutture e uffici dedicati. Regione e Anci hanno avviato una serie di riunioni operative per rendere questo passaggio più semplice

Sportello digitale unico, migrazione del cloud, identità digitale, dematerializzazione degli archivi. Il processo di transizione degli uffici di pubblica amministrazione verso il digitale, è un processo avviato, irreversibile, ma tutt'altro che lineare. Le difficoltà maggiori sono spesso dei comuni più piccoli, privi di strutture e uffici dedicati. Per aiutarli a districarsi all'interno di un dedalo di possibilità, la regione umbria, insieme al dipartimento di trasformazione digitale, ha definito con l'anci una serie di riunioni operative. Si tratta, ha ricordato l'assessore regionale michele fioroni di una sfida decisiva. Il PNRR mette a disposizione risorse importanti, ma ha anche vincoli molto stringenti: per evitare che comuni poco attrezzati debbano costruire un progetto per aderire al bando, sono stati resi disponibili dei voucher per obiettivi specifici: un aiuto importante. Altra sfida importante, non coperta dal PNRR, riguarda la digitalizzazione degli archivi cartacei. Un impegno che richiederà molto tempo e grande organizzazione. 

di Lorenzo Materazzini