Una legge per salvare il Trasimeno

I Comuni del Lago chiedono una legge nazionale per salvare il bacino dalla carenza idrica. Prevedendo soluzioni che possano tutelarne la balneabilità

Non pioverà per le prossime due settimane e questa e' una brutta notizia. Brutta per gli agricoltori, brutta per i lavoratori del settore del turismo che vedono il Trasimeno in sofferenza. Oggi il livello dell'acqua segnava 114 centimetri sullo zero idrometrico, il rischio e' che si arrivi alla crisi idrica del 2003. quest'anno le spiagge hanno guadagnato 100 metri di profondità. una sfida per tutti i comuni del Trasimeno e per il neoeletto presidente che e' anche sindaco di Castiglione del lago, Matteo Burico. Una legge nazionale dunque per tutelare un lago su cui si affacciano 8 Comuni, vivono 65mila persone, la cui economia ruota prevalentemente intorno al turismo. Nei primi mesi dell'anno ci sono stati segnali incoraggianti +29% di presenze. Ma c'e' bisogno di non fermare questa tendenza perciò se la mancanza di acqua compromette la balneabilità si punta tutto su eventi, escursionismo, enogastronomia. Ma anche sulle opere infrastrutturali.

di Francesca Romana Elisei