La giornata del Festival

Danza e teatro protagonisti oggi al Due Mondi. Appuntamenti al Teatro romano e all'Auditorium

Il corpo come linguaggio e massima espressione artistica, movimenti rapidi, intrecci. La danza moderna grande protagonista alla 65° edizione del Festival dei due mondi a Spoleto. Sul palcoscenico del Teatro Romano Axel Guerin e Alexander Vantournhout con lo spettacolo “Through the grapevine”, coreografie uniche, tecniche di danza, arti marziali, ma anche circo e yoga. Un eccentrico pas de deux, corpo nella forma più pura, si replica sempre al Teatro romano stasera 21.30. Dalla danza al teatro. Considerato come lo spettacolo scandalo del festival “L'appuntamento ossia storia di un cazzo ebreo”, opera tratta dal romanzo di Katharina Volkmer, la parola come mezzo di provocazione: tutto verte intorno al flusso di pensieri di una giovane donna nata e cresciuta in Germania e trasferitasi a Londra che affida al suo medico la scelta più radicale e rivoluzionaria della sua vita, quella di cambiare sesso, tra le fantasie della protagonista. Si replica oggi pomeriggio, Auditorium della stella alle ore 17.

di Giulia Monaldi