Ast verso la prima pausa estiva sotto la gestione Arvedi

Per l'andamento a rilento dei mercati alcuni reparti chiuderanno per un mese, altri solo per 15 giorni, senza far ricorso alla cassa integrazione.

A causa della flessione del mercato alcuni reparti di Ast effettueranno la consueta fermata estiva per un mese: l’area a caldo dal 31 luglio al primo settembre, il laminatoio a caldo dal 3 agosto al primo settembre.
Fermo 25 giorni l’impianto Lac 10.
L’azienda ha comunicato alle Rsu che il prolungamento dello stop produttivo estivo non prevede il ricorso alla Cassa Integrazione.
Per gli altri reparti la pausa durerà 15 giorni.
Le Rsu hanno chiesto all’azienda di garantire 2 settimane continuative di ferie ai lavoratori, come previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro.
Chi richiede di lavorare comunque potrà farlo, non necessariamente nella propria area di appartenenza.