Il nuovo Isuc

Riparte da un nuovo programma l'attività dell'Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea. Dubbi sulla riconferma di tutti i ricercatori

Sembrava destinato alla chiusura e invece trova nuovo slancio l'Isuc (Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea), che proseguirà le sue attività almeno per i prossimi tre anni. Difficilmente, però, gli otto ricercatori che collaboravano con l'Isuc potranno essere riconfermati in blocco. Le professionalità coinvolte, in numero ancora da individuare, usufruiranno di specifici assegni di ricerca.