Allarme di Confindustria: "Con il caro energia imprese a un passo dal baratro"

Il presidente Briziarelli: "Per alcune imprese continuare a produrre in queste condizioni sta diventando antieconomico"

Con gli attuali costi dell'energia ci sono aziende costrette a ricorrere alla cassa integrazione anche dove il lavoro c'è perché continuare a produrre accentuerebbe le perdite. Un paradosso che segue i rallentamenti e primi stop alle attività. Confindustria Umbria avverte: “siamo a un passo dal baratro e a sprofondare, in autunno, non saranno solo le imprese, ma anche le famiglie”. “Continuare a produrre in alcuni settori sta diventando antieconomico”, spiega il presidente Briziarelli. Dagli associati arriva inoltre l'indicazione di fornitori europei che non garantiranno né servizi né prodotti da ottobre a marzo perché a loro volta in difficoltà con il gas russo. Per gli industriali fermare il conflitto è l'unico modo per fermare i rincari.