Al via il festival delle Nazioni a città di Castello

Nel concerto inaugurale le atmosfere andaluse regalate dal violino di Victor Ambroa

Dopo le due grandi anteprime di inizio luglio in piazza delle Tabacchine, il concerto di Noemi e lo spettacolo Luxuria del Barcelona Flamenco Ballet, ha preso il via il cartellone 'tradizionale' del Festival delle Nazioni. La storica manifestazione tifernate quest'anno rende omaggio alla cultura musicale della Spagna grazie a eventi e concerti in programma a Città di Castello e nei borghi più suggestivi dell'Alta Valle del Tevere. Ieri alla chiesa di San Domenico sono arrivate le melodie e l'atmosfera di Granada, Cordova e Siviglia con Recuerdos de Andalusia. Dal flamenco al tango, passando per jazz e pop fino ad arrivare alla musica ebraica, cristiana e musulmana del Medioevo. Contaminazioni e innesti di tradizioni diverse continuano a essere la cifra stilistica di questa cinquantacinquesima edizione del Festival, in programma fino al 3 settembre. Coinvolto, non solo in qualità di pubblico, il territorio, con gli allievi degli istituti musicali che saranno protagonisti di spettacoli e concerti.

Il servizio di Giulia Bianconi.