In fumo oltre 1000 ettari di bosco

Il bilancio provvisorio dei danni causati dagli incendi, è destinato a salire. Gran parte dei roghi è di origine dolosa o colposa

Dall'inizio dell'anno in Umbria sono andati in fumo più di 1000 ettari di bosco, che superano 1300, se si considerano anche terreni e sterpaglie, l'equivalente di 1850 campi di calcio. Siamo solo ad agosto, ma la devastazione è già di gran lunga superiore rispetto a quella delle stagioni precedenti, compreso il 2017, finora considerato l'anno peggiore. A pesare sul bilancio, purtroppo ancora provvisorio e stimato per difetto, sono soprattutto i recenti incendi di Preci-Saccovescio nell'area dei Monti Sibillini e quelli di Guardea e dell'Amerino-Orvietano. L'estate è il periodo più difficile: siccità e ondate di calore amplificano sia il rischio, sia gli effetti delle fiamme: ogni rogo, secondo i calcoli della Coldiretti, costa ai cittadini più di diecimila euro all'ettaro fra spese immediate per lo spegnimento e la bonifica, e quelle a lungo termine sulla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici in un arco di quindici anni. A inquietare, però, è il fatto che dietro ai roghi ci sia spesso la mano dell'uomo. La gran parte degli incendi boschivi è causata da comportamenti superficiali o dolosi: i Carabinieri Forestali, solo nelle ultime settimane, hanno denunciato tre agricoltori che dopo avere appiccato il rogo alle sterpaglie nel proprio campo, hanno poi perso il controllo delle fiamme. Ma si indaga anche sui piromani che, per ragioni di difficile comprensione, appiccano volontariamente il fuoco e rimangono nell'ombra: la provincia di Terni è più bersagliata di quella di Perugia. A Guardea sono stati individuati ben cinque inneschi, qualcosa di inedito rispetto ai dispetti di vicinato o alla guerra dei pascoli, che hanno fatto da movente agli incendi del passato. La collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare i sospetti e le prime avvisaglie di fumo ai numeri di emergenza. I vigili del fuoco, che in Umbria hanno anche un elicottero a disposizione, rappresentano un argine fondamentale: è grazie alla loro professionalità e al loro impegno, a difesa delle persone delle case e dell'ambiente, se il resoconto, per quanto negativo, non presenta risvolti tragici.