La frana sulla Flaminia, obiettivo senso unico alternato

Vediamo qual è il cronoprogramma dei lavori sul tratto di strada chiuso, a Scheggia, dopo l'alluvione del 15 settembre. Ancora visibili i danni del maltempo

50 metri di frana per un versante alto 24, pari a circa 8mila metri cubi di materiale che è caduto a ridosso della Flaminia, al chilometro 216, tra Scheggia e Cantiano. E' questo l'evento franoso più importante avvenuto su questa strada lo scorso 15 settembre, il giorno dell'alluvione che ha colpito l'Umbria al confine con le Marche. Una serie di piccoli smottamenti, per un totale di circa cinque chilometri, sono già stati ripuliti e messi in sicurezza. Ma per il blocco più grande serve un piano di intervento complesso, che è stato preceduto da una serie di rilievi. Durante lo svolgimento dei lavori, però, si potrà permettere una riapertura della strada, temporaneamente a senso unico alternato. Durante il ripristino, anche con l'impiego del semaforo, sarà comunque sempre attivo un servizio di monitoraggio per verificare un eventuale movimento della frana. Nel servizio l'intervista a Lamberto Nicola Nibbi, responsabile Anas Umbria.
di Valentina Antonelli