L'Umbria fragile delle alluvioni

La nostra Regione presenta il 100% di rischio idrogeologico. I progetti di messa in sicurezza

I violenti temporali e le alluvioni che tra giovedì e venerdì hanno colpito la fascia appenninica (devastando le Marche, ma provocando seri danni anche in Umbria) fanno tornare d'attualità il tema della cura del territorio. Tanto più che la nostra regione è tra quelle che presentano il 100% di rischio idrogeologico, secondo i dati Ispra. Questo accade in parte per la conformazione del territorio, in parte perché (già dai secoli passati) si è costruito su punti non propriamente sicuri. Motivo per cui, quando in determinate zone (come successo a Pietralunga, o a Scheggia e Pascelupo) si riversa all'improvviso una quantità d'acqua superiore a quella caduta negli ultimi 200 anni, si può al più provare a mettere una pezza. 

Il servizio di Alessandro Catanzaro che ha intervistato Sandro Costantini della Regione Umbria.