I mestieri del cinema

A Terni, un corso di formazione dell'Umbria Film Commission, ha permesso a tanti giovani aspiranti di essere introdotti ai mestieri del cinema

Non basta la polvere di stelle. Non bastano le grandi star, i dialoghi accattivanti, gli sguardi che parlano da soli. Per costruire la magia del cinema ci vogliono anche mani sapienti che sappiano tirare fili, muovere fari, e manovrare complicati macchinari. Sono i cosiddetti mestieri che fanno grande il grande schermo. Per impararli, la fondazione Umbria Film Commission, ha reclutato 20 giovani da tutta italia per un corso di formazione gratuito. Elettricisti e macchinisti, ovvero le mani sapienti che servono alle produzioni cinematografiche ma anche alle fiction televisive, quelle che proprio in Umbria sembrano aver trovato una sede di elezione. A impartire lezioni anche Alessandro Pesci, pluri-premiato direttore della fotografia in fiction e pellicole celebri. Questo è il primo di una serie di corsi dedicati ai mestieri del cinema che l'Umbria Film Commission ha intenzione di mettere in campo. Sede del corso il Centro Multimediale di Terni, un luogo che ha anche un forte valore simbolico. Non dimentichiamo che negli Studios di Papigno - ora in disuso - è stato girato il capolavoro di Benigni La vita è bella. Come dire che il cinema qui è di casa, nessun luogo in Umbria avrebbe potuto essere più adatto per cominciare a spandere su questi giovani polvere di stelle.

Nel servizio di Luciana Barbetti, le interviste a Nicola Innocenti, Daniele Corvi, e alcuni ragazzi del corso