Il peso del caro energia. Parla l'esperto

Abbiamo intervistato l'economista Sergio Sacchi che ci ha spiegato quanto le aziende umbre dipendano dalle materie prime ucraine e quanto pesino gli aumenti

Sono circa duecento in Umbria le aziende energivore, quelle cioè che per produrre hanno bisogno di consumare grandi quantità di energia, e che sono perciò messe a dura prova in questo periodo di aumenti. Appartengono ai settori di cartotecnica, metallurgia, meccanica e alimentare. Le importazioni umbre dall'Ucraina si aggirano attorno al 3-4% del totale, in gran parte concentrate nella metallurgia, come i rottami di ferro acquistati dall'Acciai Speciali Terni. La principale difficoltà del periodo è però legata al trasporto dei materiali, gravato dagli aumenti di carbone, petrolio ed energia. Nel servizio l'intervista all'economista Sergio Sacchi.
di Giulia Bianconi