Furto all'acquedotto

Ladri di rame a Narni, l'acquedotto si blocca e lascia decine di famiglie senz'acqua. I malviventi messi in fuga dal personale. Erogazione tornata regolare

I ladri di rame sono stati sorpresi dalle guardie giurate che stavano pattugliando la zona di Narni scalo. Il servizio di vigilanza privata - riferiscono fonti dell'Aman, la società che si occupa della manutenzione degli impianti gestiti da Servizio idrico integrato - è stato attivato in seguito a diversi tentativi di effrazione registrati nelle aree dei depuratori di competenza.
I malviveti erano riusciti ad introdursi nella stazione di pompaggio dell'acquedotto in strada di Morellino. Le guardie giurate li hanno messi in fuga senza riuscire, però, ad identificarli. 
Avevano già tagliato diversi metri di fili di rame mandando in tilt il gruppo di pompaggio che alimenta la zona di via Tuderte e via Gassman, lasciando senza acqua decine di famiglie. Nella mattinata di ieri il Comune di Narni e il gestore sono corsi ai ripari attivando un servizio sostitutivo con autobotte. Successivamente un gruppo elettrogeno ha permesso di riattivare il servizio e la situazione nel corso del pomeriggio è tornata alla normalità. Ora restano da quantificare i danni subiti dall'impianto mentre si cercano elementi utili all'identificazione dei malviventi, almeno due quelli che hanno agito due notti fa.