Reintegrati in Umbria 150 sanitari no vax

Solo quattro sono medici che operano in ospedale, gli altri sono pensionati o privati

Sono 150 i sanitari umbri che erano stati sospesi dal lavoro per non essersi vaccinati e ora saranno reintegrati. Di questi appena 37 (4 medici e 33 tra infermieri e oss) lavorano negli ospedali umbri.  Gli ordini professionali si sono subito adeguati al decreto legge del governo.

L'obbligo sarebbe comunque scaduto a fine anno e la situazione epidemiologica è in netto miglioramento, sottolineano tutti i rappresentanti dei camici bianchi. Ma restano molte critiche.

Nel servizio di Riccardo Milletti le interviste a Verena de Angelis presidente dell'ordine dei medici di Perugia e Basilio Ubaldo Passamonti vicesegretario Anaao Assomed Umbria.