S'intitola "Sei" e nasce dal lavoro di 66 malati oncologici e altrettanti scrittori

Non solo un libro ma un progetto dei medicina narrativa

Sei parole, di quelle in grado di rappresentare in sintesi la propria vita; sei parole che 66 malati oncologici hanno donato ciascuno ad uno scrittore del collettivo ScriviPerBene. E' nato così il volume, dal titolo SEI, presentato alla biblioteca san Matteo degli Armeni a Perugia e alla Bct di Terni per Umbrialibri. Non solo un libro ma un progetto di medicina narrativa, un progetto di cura con l.'obiettivo di poter costruire percorsi il più possibile personalizzate. 

Nel servizio di Federica Becchetti le interviste a Paolo Trenta della Società italiana di medicina narrativa, Rita Chiari che dirige la struttura complessa di oncologia dell'ospedale Marche nord e Arianna Fermani, docente storia filosofia antica dell'università di Macerata.