Rugby umbro in crescita

La palla ovale non ha risentito della pandemia. Aumentano agonisti e società: sono 20 con quasi 2mila tesserati. Il punto con il presidente nazionale

Due nuove società fondate negli ultimi mesi (il Corciano Rugby e I Ducali di Spoleto), una società di imminente affiliazione (nel territorio di Assisi e Bastia): in Umbria la palla ovale ha retto bene l'urto della pandemia. Attualmente i tesserati sono quasi 2 mila, in rappresentanza di 20 club. 

A Perugia, per incontrare le società, è arrivato il presidente nazionale della federazione, Marzio Innocenti. Che ha ribadito l'importanza del rugby di base e della formazione  

In Umbria abbiamo anche due poli del rugby femminile: quello dell'Umbria Sud, che va da Foligno fino a Terni, e dell'Umbria Nord, che comprende le zone di Perugia, Gubbio e Città di Castello. 

E tra poco partiranno dei nuovi progetti come, ad esempio, il corso di formazione su bullismo e cyberbullismo, rivolto agli insegnanti delle scuole ed ideato dalla sezione umbra della Federazione Rugby; corso sviluppato in collaborazione con la Polizia di Stato e con l'Ufficio Scolastico Regionale per l'Umbria.

Il servizio di Antonello Brughini, per il montaggio di Gabriele Liberati, con l'intervista anche al presidente regionale Federazione Rugby, Egiziano Polenzani.