Perugia sale, Terni scende

La classifica del Sole 24 ore sulla qualità della vita piazza il capoluogo regionale al 41esimo posto e la città dell'acciaio al 54esimo. Pesano i costi energetici

Perugia sorpassa Terni per qualità della vita e rovescia il risultato ottenuto lo scorso anno nella classifica stilata dal Sole 24 ore. Il capoluogo umbro guadagna 11 posizioni rispetto al 2021 piazzandosi al 41esimo posto. Bisogna scendere un po' per trovare la città dell'acciaio: 54esima, perde 8 posizioni. Novanta gli indicatori presi in esame, suddivisi in sei ambiti: ricchezza e consumi, affari e lavoro, salute e società, ambiente e servizi, giustizia e sicurezza, cultura e tempo libero. Quaranta parametri sono stati aggiornati con le ricadute sul territorio dei grandi shock: guerra in Ucraina, caro-energia e aumento dei prezzi. Ed è proprio l'inflazione per costo dell'energia il tasto dolente per le province umbre, penultima e terzultima. Posizione 106 per Perugia e 105 per Terni, che è anche la città che ha registrato più ondate di calore. Ma una medaglia d'oro spetta a entrambe le umbre: Perugia è al primo posto per illuminazione pubblica sostenibile, Terni per numero di medici di medicina generale ogni mille abitanti. Bene entrambe per condizioni di vita e salute, al 10 e 12esimo posto. Quanto a offerta culturale, il capoluogo di regione sale al 16esimo posto e Terni finisce 57esima. Anche nella classifica delle donne, che rileva la disparità di genere, Perugia, ventesima, va meglio di Terni, 34esima. La Conca, in compenso, è amata dai propri abitanti. Nello studio pubblicato dall'università Bicocca sulla percezione della qualità della vita da parte dei cittadini, risulta nel club delle migliori con Cuneo e Chieti.
di Elisa Marioni