Cadavere trovato a Citerna, cellulare sotto esame

Esami sul telefonino della 70enne Mariel Soethe, trovata morta in casa l'altro ieri a Pistrino. Si attende l'autopsia

La salma di Mariel Soethe, la settantenne tedesca scoperta cadavere nella sua abitazione di Pistrino di Citerna l'altro ieri è in attesa dell'autopsia all'obitorio dell'ospedale di Perugia. Il medico legale dovrà accertare come e quando è stata uccisa la donna, se le ecchimosi sul volto della vittima sono conseguenza di percosse o causate da un oggetto contundente, se il corpo presenta altri segni, escludere eventuali altre violenze. 
Fondamentali saranno poi le informazioni contenute nel telefono e nel computer sequestrati in casa della vittima per restringere il campo delle sue frequentazioni abituali e degli ultimi contatti.
Dalle indagini, condotte dal comandante del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo dei Carabinieri di Perugia, Claudio Scarponi, e coordinate dal Sostituto Paolo Abbritti della Procura della Repubblica di Perugia,  pochi gli elementi trapelati. Secondo le testimonianze fin qui raccolte pare che Mariel non fosse in buoni rapporti con i vicini della casa accanto nonché familiari del compagno, un piccolo imprenditore tessile della zona scomparso più di un anno fa. La donna si era trasferita più di vent'anni fa nella piccola frazione nell'Alta VAlle del Tevere dove ha trovato la morte. Quello che al momento sembra certo è che l'omicidio non sia legato ad una rapina.

di Monica Tasciotti