Crescono i reati ambientali

Nel 2022 gli incendi boschivi sono aumentati del 70 per cento. Registrati quasi 600 reati e 2mila illeciti amministrativi: è il bilancio dell'attività dei carabinieri forestali

Rifiuti, controllo del territorio, fauna selvatica, animali da compagnia e incendi boschivi, sono i settori su cui lavorano i carabinieri forestale. 
Nell'anno appena trascorso rilevati più di 2000 illeciti amministrativi e contestati 571 reati.
Fra i dati forniti risalta quello sugli incendi boschivi: nel 22 sono aumentati del 70% rispetto all'anno scorso. Bruciati 1400 ettari di boschi e vegetazione, oltre 500 solo a a Preci e Guardea fra luglio e agosto. Quasi sempre le fiamme sono state appiccate per disattenzione o negligenza, ma in un caso è stato riscontrato anche il dolo e un piromane tratto in arresto. Grande attenzione a discariche e smaltimento illecito dei rifiuti: denunciate 97 persone, in generale titolari di aziende. Il maggior numero di illeciti amministrativi - 874 -sono stati compiuti in ambito idrogeologico per un importo di oltre 733 mila euro.