Dissequestrati i conti di Unicusano

Di nuovo disponibili anche quelli delle società collegate, coinvolte nell'inchiesta che vede indagato per evasione fiscale il presidente della Ternana Stefano Bandecchi.

Tecnicamente, una riduzione del sequestro. La procura di Roma ha infatti accolto le istanze presentate dalla difesa del fondatore di Unicusano e presidente della Ternana Stefano Bandecchi e ha "liberato" i conti corrente dell'ateneo e delle aziende ad esso riconducibili, posti sotto sequestro la scorsa settimana su ordine del gip della capitale Mara Mattioli.

Congelati i 20 milioni di euro che secondo i pm sarebbero pari all'ammontare dell'evasione fiscale per cui è indagato Bandecchi, i conti corrente tornano così nella disponibilità dell'ateneo e delle aziende finite sotto la lente della procura e della Guardia di Finanza, Ternana compresa, che possono quindi tornare alla normale operatività.

Una notizia accolta con soddisfazione da Bandecchi, anche se l'inchiesta per evasione fiscale prosegue. Da quanto emerso, però, dopo la riduzione del sequestro la difesa del patron di Unicusano potrebbe rinunciare a presentare ricorso al riesame contro l'ordinanza di emessa dal gip della capitale.

Più probabile che a questo punto gli avvocati di Bandecchi si concentrino sulla strategia difensiva che punta a dimostrare come Uncisano, entità totalmente distinta dalle undici aziende controllate e finite nell'inchiesta, abbia goduto a pieno diritto delle agevolazioni previste per gli enti non commerciali svolgendo attività isituzionale in misura nettamente superiore a quella commerciale, con incassi che sono legati prevalentemente appunto all'operatività dell'ateneo.

E' di 20 milioni invece, secondo la ricostruzione della procura romana, l'imposta sui redditi delle società che Unicusano avrebbe evaso nel quinquennio 2016 - 2021. Oltre che di evasione fiscale, anxche di appropriazione indebita per le spese private sostenute attraverso i conti dell'Università. 
 

Il servizio di Massimo Solani per il montaggio di Federico Fortunelli