In Consiglio regionale la videosorveglianza nelle strutture per anziani e disabili

Tra i punti discussi la stabilizzazione all'Agenzia forestale, la banda larga e l'affidamento dei servizi di protezione civile

La vicenda del Forabosco, il centro diurno che accoglie persone con disturbo dello spettro autistico finito al centro di un'indagine della procura di Perugia per presunti maltrattamenti, è stata affrontata anche nella seduta dell'Assemblea legislativa. Con un'interrogazione a risposta immediata, il consigliere Mancini ha chiesto alla Giunta a che punto è l'iter per l'installazione della videosorveglianza  nelle strutture socio sanitarie per anziani e disabili. Come previsto dal decreto del ministero della Salute il 31 dicembre 2021, la regione ha individuato i fabbisogni per le due Usl e ora si attende la risposta da Roma.

C'è poi anche la questione dei 68 impiegati, a tempo determinato, che hanno lavorato per l'Agenzia forestale regionale negli ultimi due anni. Per loro non è possibile la stabilizzazione senza concorso, ma nel bando verranno inseriti criteri che valorizzino il servizio prestato per l'agenzia.

Sulla dotazione della banda larga negli istituti umbri, sollevata dal consigliere Fora, l'assessore Fioroni ha assicurato che entro fine anno tutte le scuole saranno cablate. Il consigliere Bori ha invece chiesto chiarimenti sull'affidamento di servizi di protezione civile all'associazione europea operatori di polizia da parte della Regione. Si tratta dell'Aeop, oggetto di un'inchiesta per usurpazione di funzioni e truffa aggravata durante la pandemia. La Giunta ha ribadito che il rapporto con l'associazione è legato solo alle attività di protezione civile, non alle altre abilitazioni contestate dalla magistratura.

Il servizio di Dario Tomassini, con il montaggio di Francesco Battistelli.