Via libera al transito su sentieri e mulattiere

Legambiente, CAI ed escursionisti di oppongono all'emendamento. In Umbria mappati 3600 chilometri di sentieristica

Un emendamento alla Legge 28, inserito all'interno del Bilancio di previsione 2024, approvato dalla Regione, apre al transito di veicoli a motore sui sentieri, sulle mulattiere, sui viali parafuoco e sulle piste forestali. L'iniziativa, a firma di Manuela Puletti, della Lega, riprende una legge analoga votata un anno fa dalla Regione Lombardia, e già presente in Veneto. Per la consigliera si fa così chiarezza perché cacciatori e fungaioli rischiavano finora sanzioni transitando con i loro mezzi. Non è d'accordo Legambiente. Solo la rete sentieristica umbra tracciata e gestita dal Cai conta oltre 3.600 chilometri. Su questo emendamento sono stati previsti 10 mila euro per i comuni per tabellare. A rischio la tenuta dei sentieri. Salvo ripensamenti, dal primo gennaio via libera ai mezzi a motore sui sentieri, ma le associazioni, CAI, Legambiente e Federazione Italiana Escursionismo sono sul piede di guerra, e se la Regione non farà marcia indietro è pronto il ricorso al TAR.

di Gabriele Salari, con le interviste ad Alessandra Paciotto, Legambiente Umbria, e Gian Luca Angeli, Presidente Cai Umbria.