Digitalizzazione e intelligenza artificiale per combattere la corruzione

A Villa umbra di Pila un giorno di studio sulle nuove tecniche anticorruzione e antimafia dedicate agli appalti e alle pubbliche amministrazioni

La corruzione non si vince con la bacchetta magica, ma la digitalizzazione e l'intelligenza artificiale sono decisive nel combatterla. Certo rimane tutta la parte che attiene elle scelte amministrative e politiche, su quale opera realizzare e quindi quale sottoporre ad appalto che non è suscettibile al controllo digitale, ma anche il sistema dei subappalti potrà essere meglio valutato attraverso l'algoritmo. Il digitale aiuta anche la lotta alle mafie, limita la loro invadenza nelle gare pubbliche anche se le stesse imprese, grazie anche al rating di legalità, stanno facendo la loro parte nella lotta alla corruzione. Nel servizio le interviste a Francesco Decarolis, docente di economia Università Bocconi, a Andrea Altieri, direttore Master anticorruzione alla Link University di Roma, a Maurizio D'Andre, Board Transparency international-Italia. 
di Carlo Cianetti, montaggio di Lorenzo Papi