Un anno di ospedale di comunità

La prima e unica struttura in Umbria si trova ad Amelia. Qui sono impegnati i medici di medicina generale

Svolge una funzione intermedia, tra lo stare a casa propria e l'essere ricoverati in ospedale. Serve ad evitare ricoveri impropri e favorire dimissioni più tutelate. E' l'ospedale di Comunità. Un elemento nuovo nella filiera della sanità italiana, introdotto con il decreto ministeriale 77 del 2022 e finanziato con il Pnrr, insieme ad altri elementi di novità come le case di comunità, le centrali operative territoriali, le unità di continuità assistenziale. Il primo e unico ospedale di comunità in Umbria è quello di Amelia. E' nato esattamente un anno fa. Dotato di 20 posti letto, di una equipe infermieristica, insieme ad assistenti sociali e fisioterapisti. La specificità di questa struttura è che l'attività clinica è garantita dai medici di medicina generale del territorio. Ciò significa che il paziente viene seguito e curato durante la sua degenza dal proprio medico curante. Al momento sono 13 i medici del distretto operativi. 

Nel servizio di Luciana Barbetti, montaggio Giorgio Belli,  le interviste a Stefano Puliti coordinatore medico e a Lucia Bussotti responsabile infermieristica