Geenna bis con rito abbreviato, ridotta pena a 6 anni per Di Donato

Era già stato condannato per associazione mafiosa. Confermati 2 anni e 4 mesi per tentata estorsione a Salvatore Filice. Motivazioni tra 15 giorni

Geenna bis con rito abbreviato, ridotta pena a 6 anni per Di Donato
ANSA
Aula del Palagiustizia di Torino

Nel 2021 i giudici della Corte di Appello lo avevano ritenuto il promotore di una locale di ‘Ndrangheta ad Aosta, condannandolo a 9 anni di reclusione. Ma per Marco Fabrizio Di Donato oggi, mercoledì 3 aprile, quella pena è stata ridotta a 6 anni. 

Nel nuovo processo di secondo grado del rito abbreviato di Geenna, che si è chiuso nel pomeriggio a Torino, Di Donato è stato assolto dalle accuse di estorsione e di scambio elettorale politico mafioso, perché i fatti non sussistono. Erano questi i capi di imputazione annullati con rinvio dalla Cassazione nell'aprile 2023. 

Mancherebbero le prove di un accordo precedente all'elezione di Monica Carcea al comune di Saint-Pierre e non ci sarebbe stata estorsione per i lavori di ristrutturazione del ristorante di Aosta "La grotta azzurra", affidati comunque all'impresa scelta in precedenza. 

Insieme a Di Donato, era imputato anche Salvatore Filice, accusato di tentata estorsione e violazione delle norme sulle armi. Per lui invece è stata confermata la condanna a 2 anni e 4 mesi. Alla discussione tra le parti, lo scorso 8 febbraio, era stata la stessa accusa a chiedere l'assoluzione dai due capi per Di Donato e di confermare quella per Filice. Per capire come sarà rideterminata la pena dei 6 anni bisogna aspettare due settimane. 

Di Donato, che ha già scontato 4 anni e 8 mesi di detenzione, è tornato in libertà a ottobre. "Siamo soddisfatti - è il commento dell'avvocato Demetrio La Cava - e aspettiamo di valutare le motivazioni dei giudici". 

Lo stesso vale per i difensori di Filice, Gianfranco Sapia ed Elena Corgnier, che però, annunciano sin da ora la volontà di impugnare la sentenza di oggi in Cassazione. 

Il servizio di Giorgia Porliod, con il montaggio di Ilaria Frosini.