Valle d'Aosta
    19 Gennaio 2022 Aggiornato alle 05:45
    Storie & Mestieri

    Da Charvensod a Capo Nord in bici per raccogliere fondi

    L'impresa del biker Daniele Vallet che destinerà 7 mila euro alla realizzazione di biciclette in Congo
    di Sophie Tavernese e Pietro Taldo, montaggio di Walter Cerise

    Doveva andare in Africa e invece è finito in Lapponia.
    Daniele Vallet, in sella alla sua Frida, ha pedalato per oltre 17 mila chilometri, attraversando 17 Paesi europei, per promuovere la mobilità sostenibile e raccogliere fondi per il Congo.  Un viaggio durato 9 mesi, un'impresa titanica per il biker di Charvensod che si era anche licenziato dal lavoro per dedicarsi totalmente al suo obiettivo. La pandemia ha sconvolto i suoi programmi: arrivato in primavera a Gibilterra si è trovato in pieno blocco navale e aereo, a causa delle restrizioni dovute all'emergenza Covid, e ha cambiato meta.
    L'iniziativa che si chiamava "VeloAfrica" ha quindi modificato il suo nome diventando "VeloEuropa", ma gli obiettivi sono rimasti gli stessi.
    I progetti di Daniele Vallet  - già ideatore in Valle dell'iniziativa "Boudza-té" che promuove la mobilità dolce in bici - non si esauriscono però nell'impegnativa traversata fino a Capo Nord. In uscita, il libro "Le terre dei giganti" che racconta il suo viaggio in Tibet e Nepal di alcuni anni fa. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Storie & Mestieri